Home La podologia
La podologia

La Podologia nasce, come disciplina sanitaria autonoma, nei paesi anglosassoni (Regno Unito, in Europa e Stati Uniti d’America) all’inizio del secolo scorso. Si afferma in Spagna e in Portogallo dopo la seconda guerra mondiale. In Italia i primi Corsi di Laurea vengono istituiti agli inizi degli anni novanta (Università di Pisa e di Roma La Sapienza). Oggi è una disciplina unanimemente riconosciuta e apprezzata.

La Podologia è la branca della Medicina che pone al centro della propria azione preventiva e terapeutica il piede e i distretti correlati. Molte specialità mediche si interessano della patologia del piede ma nessuna focalizza il proprio interesse prioritario su questo distretto fondamentale. Lo spazio libero, occupato in altri paesi da personale altamente qualificato, è stato usurpato da diverse figure professionali, alcune addirittura non sanitarie, nessuna delle quali appositamente formata (con inevitabili rischi per l’utenza). Di conseguenza, quello che è mancato fino ad ora in Italia alle persone con problemi ai piede, ma anche ai Medici, è proprio un referente qualificato che interfacciasse, con competenze proprie e complementari, le competenze medico-specialistiche.

 

Il percorso formativo universitario, Corso di Laurea in Podologia, Facoltà di Medicina e Chirurgia, è articolato in un primo livello, Laurea triennale, in seguito alla quale è possibile accedere al II livello, Corso di Laurea Magistrale in Scienze delle Professioni Sanitarie della Riabilitazione (due ulteriori anni di Corso), o, in alternativa, ai Master clinici di Specializzazione (annuali, Posturologia, Podologia dello Sport, Biomaccanica e ortopodologia, etc.).

 

L’attività professionale del Podologo è regolata dal Profilo professionale e dalla legislazione correlata:

  • DM 1994/n. 666 – “Profilo Professionale” – I Podologi trattano direttamente, nel rispetto della normativa vigente, dopo esame obiettivo del piede, con metodi incruenti, ortesici ed idromassoterapici (..) il piede doloroso. I Podologi, su prescrizione medica, prevengono e svolgono la medicazione delle ulcerazioni, delle verruche del piede e comunque assistono, anche ai fini dell'educazione sanitaria, i soggetti portatori di malattie a rischio; individuano e segnalano al Medico le sospette condizioni patologiche che richiedono un approfondimento diagnostico o un intervento terapeutico; svolgono la loro attività professionale in strutture sanitarie, pubbliche o private, in regime di dipendenza o libero-professionale.
  • Legge 1999/n. 42 – “Disposizioni in materia di professioni sanitarie” – Il campo proprio di attività e di responsabilità delle professioni sanitarie (..) è determinato dai contenuti dei decreti ministeriali istitutivi dei relativi profili professionali e degli ordinamenti didattici dei rispettivi corsi (..) universitari e di formazione post-base nonché degli specifici codici deontologici (..).
  • Legge 2000/n. 251 – “Disciplina delle professioni sanitarie infermieristiche, tecniche, della riabilitazione, della prevenzione nonchè della professione ostetrica”, inserisce la figura professionale del Podologo nella Classe II della riabilitazione – I laureati nella classe II (..) svolgono con titolarità e autonomia professionale, nei confronti dei singoli individui e della collettività, attività dirette alla prevenzione, alla cura, alla riabilitazione e a procedure di valutazione funzionale, al fine di espletare le competenze proprie previste dai relativi profili professionali.
  • Il D.M. 2 aprile 2001 – “Determinazione delle classi delle lauree universitarie delle professioni sanitarie“ – I laureati della classe sono dotati di un'adeguata preparazione nelle discipline di base, tale da consentire loro la migliore comprensione dei più rilevanti elementi che sono alla base dei processi patologici sui quali si focalizza il loro intervento riabilitativo e/o terapeutico in età evolutiva, adulta e geriatrica”.
  • Legge 2006/n. 43 – "Disposizioni in materia di professioni sanitarie infermieristiche, ostetrica, riabilitative, tecnico-sanitarie e della prevenzione (..)" – In conformità all'ordinamento degli studi dei corsi universitari, (..) il personale laureato appartenente alle professioni sanitarie (..) è articolato come segue: (..) professionisti specialisti in possesso del master di primo livello per le funzioni specialistiche rilasciato dall'università ai sensi del (..) DM 2004/n. 270.